spacer

Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Parla in libertà di argomenti di carattere generale attinenti il Bari: partite, allenamenti, calciomercato. Prima di aprire un nuovo topic, controlla sempre se l'argomento è già stato trattato!

Moderatori: u'mang, Greem, Rosencratz, divin gallo, Soloesemprebari, Pino, il_colonnello, sirius

Pino

Storico Ufficiale
Storico Ufficiale
 
Messaggi: 43962
Iscritto il: sab gen 25, 2003 23:34
Località: Termoli - Clan Bari - IX-VIII-MMIII
Record: 0

Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Pino » mer gen 09, 2019 12:52


Queste sono le gesta di un Bari che, domenica contro la Sancataldese, potrebbe perdere un primato assoluto a favore di quello di Giovanni Cornacchini. 18 partite, le prime, senza macchia, per poi uscire sconfitto in campionato soltanto 3 volte (altro record, condiviso coi biancorossi di Gaetano Salvemini, che lo realizzarono però in serie B nel 1988-89).

LUCIANO PIRAZZINI A BARI

Questa è la storia del Bari di Luciano Pirazzini, emiliano di Pavullo del Frignano (Modena), classe 1932. Difensore di medio livello che non aveva giocato in categorie più alte della C, poi allenatore girovago. A Bari arrivò dopo gli esordi con il Merano. Poi anche a Brindisi, Martina Franca, Andria (Fidelis) e Bisceglie per restare nei confini pugliesi. Prima di spegnersi nel paese natìo il 4 luglio 1998, il giorno seguente i rigori fatali agli azzurri nei quarti del Mondiale francese contro i padroni di casa. Pirazzini era giunto a Bari nell’estate del 1968 come vice di Lauro Toneatto. Si ritrovò a farlo anche con Oronzo Pugliese e Carlo Regalia. Quest’ultimo, nel 1972-73 aveva entusiasmato i tifosi, pur senza vincere il campionato di B, con un gioco offensivo e un manipolo di giovani rampanti tra i quali Butti. Al “Regaliema” e allo spettacolo della stagione precedente erano seguiti - con lo smantellamento dell’organico per motivi di bilancio da parte del presidente gentiluomo Angelo De Palo - una grigissima stagione tra i cadetti e l’esonero dello stesso Regalia dopo lo 0-0 prenatalizio con il Como allo stadio della Vittoria. La società aveva deciso di promuovere alla guida della squadra Pirazzini che tuttavia non era riuscito a evitare la retrocessione – nonostante lo 0-0 interno col Varese e l’1-0 alla Ternana, poi promosse – al termine di un’annata scandita dalle conseguenze disciplinari (tre partite in campo neutro) patite dopo i disordini che avevano causato la sospensione (sull’1-0 per gli ospiti) della gara casalinga con l’Atalanta del 3 febbraio 1974 e dal lancio di oggetti nella sfida casalinga pur vinta (1-0) con la Reggiana il 26 maggio seguente. Ovvero due giorni prima dell’eccidio terroristico (8 morti, 102 feriti) di Piazza della Loggia a Brescia.

SI RIPARTE DALLA C

Dopo sette anni trascorsi nei due campionati principali, il Bari fu così costretto a ripartire dalla terza serie e lo fece confermando Pirazzini all’inizio di un’estate funesta scandita all’inizio di agosto da un’altra strage terroristica (12 morti, 48 feriti) nei pressi di una galleria a San Benedetto Val di Sambro, quella dell’Italicus, il treno espresso partito da Roma e diretto a Monaco di Baviera. E, qualche giorno più tardi, dal deflagrare – dopo due anni - negli Stati Uniti d’America dello scandalo Watergate con le dimissioni del presidente Richard Nixon e la sostituzione con il vice Gerald Ford. Anche per il Bari le cose non andavano bene: l’annunciato aumento del capitale sociale da 180 a 500 milioni non si concretizzò.

Immagine

Persino De Palo sbottò: “Parlano, contestano, vogliono la squadra forte, ma al momento di mettere la mano al proprio portafogli, tutti si tirano indietro, si defilano” (come riportato nei libri di Gianni Antonucci).

IL MERCATO

Immagine

Così, ancora una volta per motivi di bilancio, la “stella” Casarsa fu ceduta alla Fiorentina, cui fu restituito anche il terzino Tendi. Pirazzini costruì la squadra su due veterani: i difensori Galli e Spimi. Tra gli altri, fu acquistato l’attaccante Rosa per 95 milioni dall’Empoli. La preparazione estiva si svolse a Zocca, sull’appenino modenese, lì dove un anno più tardi un certo Vasco Rossi sarebbe stato tra i fondatori di Punto Radio, una delle prime emittenti libere italiane.

IL CAMPIONATO

Superato il primo turno di Coppa Italia a spese di Barletta e Matera, il Bari si tuffò in campionato. I risultati arrivarono: 18 partite senza mai perdere grazie a 9 successi e altrettanti pareggi. Una striscia che solo 44 anni più tardi potrebbe essere superata. Il gioco? Pessimo, ma evidentemente concreto. Il 20 ottobre 1974 (in quei giorni gli italiani canticchiavano “E tu” di Claudio Baglioni e “Bella senz’anima di Riccardo Cocciante) i biancorossi rischiarono la figuraccia contro la Reggina dell’ex Regalia al Della Vittoria: subito in gol con Sciannimanico, un centrocampista diciottenne, barese di Loseto, alla prima stagione da titolare, il Bari subì tre gol e a meno di 20’ dalla fine era sotto 3-1, terza rete di Tivelli, futuro biancorosso. Ci pensarono ancora Sciannimanico, che lo stesso Pirazzini aveva fatto debuttare in B il 21 aprile precedente nel derby di Taranto (0-0), e Rosa a fissare il 3-3 finale. Nelle 12 gare seguenti il Bari vinse ben 7 volte, quasi mai senza giocare bene. Eppure s’impose nelle sfide con il Lecce grazie al gol del rinforzo autunnale Troja e a Barletta con una doppietta di Rosa. I salentini si rifecero in Coppa Italia, eliminando i biancorossi.

INDIVIDUALITÀ

Immagine
(Archivio Antonucci)

La squadra si basava soprattutto sulle qualità individuali di Franco Mancini tra i pali, e poi Scarrone, Sigarini, Giannattasio (altro rinforzo autunnale) e del difensore Consonni. Ma anche il compianto D’Angelo, altamurano d’origine, che il 21 ottobre 1980 perderà la vita in un incidente stradale nei pressi di Sibari, e Florio, idolo dei tifosi per i suoi dribbling e capocannoniere della squadra con 14 reti, diedero il loro contributo a una stagione che si sarebbe potuta chiudere in gloria.

Immagine

Senza dimenticare l’apporto di un altro paio di elementi che, uno in campo e l’altro dietro la scrivania alla guida del settore giovanile, faranno la storia del club: Frappampina e Generoso. Invece l’annata si concluse a un punto dal Catania (doppio 0-0 negli scontri diretti), appena retrocesso come il Bari, ma più pronto a risalire. I biancorossi infatti pagarono le sconfitte di Salerno, che fermò a 18 la striscia di gare senza macchia nell’ultimo turno d’andata, e quella di Trapani. Ma soprattutto quella (1-0) sul campo del Marsala, il 1° giugno 1975. Mentre il Catania conquistava l’allungo decisivo a spese dell’Acireale (6-0).

VITTORIA DA RECORD

Immagine

Servì a poco, ma è ancora la vittoria più larga ottenuta nella storia dal Bari, il 9-0 inflitto il 15 giugno in trasferta al Cynthia di Genzano (Roma), poi retrocesso con Frosinone e Matera. Le doppiette di Troja, Florio e Rosa, uniti agli acuti di Sciannimanico e Sigarini e all’autorete di Bergami non lenirono l’amarezza della città, scossa nel novembre precedente dal sequestro, il primo di persona avvenuto nel capoluogo pugliese, di Gianfranco Cioce, e dei tifosi. Che soltanto due anni più tardi potranno festeggiare il ritorno in B. Ma questa è un’altra storia. Anch’essa senza il lieto fine.

saverio67

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 17702
Iscritto il: ven giu 27, 2003 14:22
Località: Rione S. Cataldo
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda saverio67 » mer gen 09, 2019 13:07


Auguri Immenso Pino
4/2/2015. Ciao Pierigno.


Questo è un blocco di testo che può essere aggiunto in fondo ai tuoi messaggi. Il limite caratteri è di 450.

Pino

Storico Ufficiale
Storico Ufficiale
 
Messaggi: 43962
Iscritto il: sab gen 25, 2003 23:34
Località: Termoli - Clan Bari - IX-VIII-MMIII
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Pino » mer gen 09, 2019 13:09


:wink: :wink: :wink:

Pit

Del Bari Seguace
Del Bari Seguace
 
Messaggi: 863
Iscritto il: mer gen 07, 2015 16:01
Località: Libertà
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Pit » mer gen 09, 2019 15:10


Bellissimo pezzo di storia, grazie!

Inviato dal mio RNE-L01 utilizzando Tapatalk
soloBARI

Happy77

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 11509
Iscritto il: ven lug 15, 2005 21:14
Località: Noicattaro (BA)
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Happy77 » mer gen 09, 2019 15:24


Pino neanche gli auguri di natale ci siamo fatti :?
Solo Gigiò...
99 Panini

Havrai...

colino1961

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6883
Iscritto il: ven apr 23, 2010 16:40
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda colino1961 » mer gen 09, 2019 15:35


Pino ha scritto:Queste sono le gesta di un Bari che, domenica contro la Sancataldese, potrebbe perdere un primato assoluto a favore di quello di Giovanni Cornacchini. 18 partite, le prime, senza macchia, per poi uscire sconfitto in campionato soltanto 3 volte (altro record, condiviso coi biancorossi di Gaetano Salvemini, che lo realizzarono però in serie B nel 1988-89).

LUCIANO PIRAZZINI A BARI

Questa è la storia del Bari di Luciano Pirazzini, emiliano di Pavullo del Frignano (Modena), classe 1932. Difensore di medio livello che non aveva giocato in categorie più alte della C, poi allenatore girovago. A Bari arrivò dopo gli esordi con il Merano. Poi anche a Brindisi, Martina Franca, Andria (Fidelis) e Bisceglie per restare nei confini pugliesi. Prima di spegnersi nel paese natìo il 4 luglio 1998, il giorno seguente i rigori fatali agli azzurri nei quarti del Mondiale francese contro i padroni di casa. Pirazzini era giunto a Bari nell’estate del 1968 come vice di Lauro Toneatto. Si ritrovò a farlo anche con Oronzo Pugliese e Carlo Regalia. Quest’ultimo, nel 1972-73 aveva entusiasmato i tifosi, pur senza vincere il campionato di B, con un gioco offensivo e un manipolo di giovani rampanti tra i quali Butti. Al “Regaliema” e allo spettacolo della stagione precedente erano seguiti - con lo smantellamento dell’organico per motivi di bilancio da parte del presidente gentiluomo Angelo De Palo - una grigissima stagione tra i cadetti e l’esonero dello stesso Regalia dopo lo 0-0 prenatalizio con il Como allo stadio della Vittoria. La società aveva deciso di promuovere alla guida della squadra Pirazzini che tuttavia non era riuscito a evitare la retrocessione – nonostante lo 0-0 interno col Varese e l’1-0 alla Ternana, poi promosse – al termine di un’annata scandita dalle conseguenze disciplinari (tre partite in campo neutro) patite dopo i disordini che avevano causato la sospensione (sull’1-0 per gli ospiti) della gara casalinga con l’Atalanta del 3 febbraio 1974 e dal lancio di oggetti nella sfida casalinga pur vinta (1-0) con la Reggiana il 26 maggio seguente. Ovvero due giorni prima dell’eccidio terroristico (8 morti, 102 feriti) di Piazza della Loggia a Brescia.

SI RIPARTE DALLA C

Dopo sette anni trascorsi nei due campionati principali, il Bari fu così costretto a ripartire dalla terza serie e lo fece confermando Pirazzini all’inizio di un’estate funesta scandita all’inizio di agosto da un’altra strage terroristica (12 morti, 48 feriti) nei pressi di una galleria a San Benedetto Val di Sambro, quella dell’Italicus, il treno espresso partito da Roma e diretto a Monaco di Baviera. E, qualche giorno più tardi, dal deflagrare – dopo due anni - negli Stati Uniti d’America dello scandalo Watergate con le dimissioni del presidente Richard Nixon e la sostituzione con il vice Gerald Ford. Anche per il Bari le cose non andavano bene: l’annunciato aumento del capitale sociale da 180 a 500 milioni non si concretizzò.

Immagine

Persino De Palo sbottò: “Parlano, contestano, vogliono la squadra forte, ma al momento di mettere la mano al proprio portafogli, tutti si tirano indietro, si defilano” (come riportato nei libri di Gianni Antonucci).

IL MERCATO

Immagine

Così, ancora una volta per motivi di bilancio, la “stella” Casarsa fu ceduta alla Fiorentina, cui fu restituito anche il terzino Tendi. Pirazzini costruì la squadra su due veterani: i difensori Galli e Spimi. Tra gli altri, fu acquistato l’attaccante Rosa per 95 milioni dall’Empoli. La preparazione estiva si svolse a Zocca, sull’appenino modenese, lì dove un anno più tardi un certo Vasco Rossi sarebbe stato tra i fondatori di Punto Radio, una delle prime emittenti libere italiane.

IL CAMPIONATO

Superato il primo turno di Coppa Italia a spese di Barletta e Matera, il Bari si tuffò in campionato. I risultati arrivarono: 18 partite senza mai perdere grazie a 9 successi e altrettanti pareggi. Una striscia che solo 44 anni più tardi potrebbe essere superata. Il gioco? Pessimo, ma evidentemente concreto. Il 20 ottobre 1974 (in quei giorni gli italiani canticchiavano “E tu” di Claudio Baglioni e “Bella senz’anima di Riccardo Cocciante) i biancorossi rischiarono la figuraccia contro la Reggina dell’ex Regalia al Della Vittoria: subito in gol con Sciannimanico, un centrocampista diciottenne, barese di Loseto, alla prima stagione da titolare, il Bari subì tre gol e a meno di 20’ dalla fine era sotto 3-1, terza rete di Tivelli, futuro biancorosso. Ci pensarono ancora Sciannimanico, che lo stesso Pirazzini aveva fatto debuttare in B il 21 aprile precedente nel derby di Taranto (0-0), e Rosa a fissare il 3-3 finale. Nelle 12 gare seguenti il Bari vinse ben 7 volte, quasi mai senza giocare bene. Eppure s’impose nelle sfide con il Lecce grazie al gol del rinforzo autunnale Troja e a Barletta con una doppietta di Rosa. I salentini si rifecero in Coppa Italia, eliminando i biancorossi.

INDIVIDUALITÀ

Immagine
(Archivio Antonucci)

La squadra si basava soprattutto sulle qualità individuali di Franco Mancini tra i pali, e poi Scarrone, Sigarini, Giannattasio (altro rinforzo autunnale) e del difensore Consonni. Ma anche il compianto D’Angelo, altamurano d’origine, che il 21 ottobre 1980 perderà la vita in un incidente stradale nei pressi di Sibari, e Florio, idolo dei tifosi per i suoi dribbling e capocannoniere della squadra con 14 reti, diedero il loro contributo a una stagione che si sarebbe potuta chiudere in gloria.

Immagine

Senza dimenticare l’apporto di un altro paio di elementi che, uno in campo e l’altro dietro la scrivania alla guida del settore giovanile, faranno la storia del club: Frappampina e Generoso. Invece l’annata si concluse a un punto dal Catania (doppio 0-0 negli scontri diretti), appena retrocesso come il Bari, ma più pronto a risalire. I biancorossi infatti pagarono le sconfitte di Salerno, che fermò a 18 la striscia di gare senza macchia nell’ultimo turno d’andata, e quella di Trapani. Ma soprattutto quella (1-0) sul campo del Marsala, il 1° giugno 1975. Mentre il Catania conquistava l’allungo decisivo a spese dell’Acireale (6-0).

VITTORIA DA RECORD

Immagine

Servì a poco, ma è ancora la vittoria più larga ottenuta nella storia dal Bari, il 9-0 inflitto il 15 giugno in trasferta al Cynthia di Genzano (Roma), poi retrocesso con Frosinone e Matera. Le doppiette di Troja, Florio e Rosa, uniti agli acuti di Sciannimanico e Sigarini e all’autorete di Bergami non lenirono l’amarezza della città, scossa nel novembre precedente dal sequestro, il primo di persona avvenuto nel capoluogo pugliese, di Gianfranco Cioce, e dei tifosi. Che soltanto due anni più tardi potranno festeggiare il ritorno in B. Ma questa è un’altra storia. Anch’essa senza il lieto fine.

Il mio primo campionato allo stadio della Vittoria :occhioni: :occhioni:

Pino

Storico Ufficiale
Storico Ufficiale
 
Messaggi: 43962
Iscritto il: sab gen 25, 2003 23:34
Località: Termoli - Clan Bari - IX-VIII-MMIII
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Pino » mer gen 09, 2019 16:20


Happy77 ha scritto:Pino neanche gli auguri di natale ci siamo fatti :?


Gli auguri tra di noi sono validi tutto l'anno!!!

dareios

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6368
Iscritto il: sab feb 22, 2003 5:03
Località: roma
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda dareios » mer gen 09, 2019 20:10


di quella stagione sfortunata vidi allo stadio Bari-siracusa 2-2 e in trasferta Cynthia genzano-Bari 0-9, era un Bari molto forte che avrebbe meritato la promozione ma che cmq offrì tante emozioni nella sfida punto a punto con il catania. Ricordo che lo scontro diretto con catania ebbe gli aggiornamenti in diretta in Tutto il calcio minuto per minuto, forse l'unica partita di c ad avere avuto questo onore. Tempi eroici che speravo non si sarebbero ripetuti e invece eccoci qui a parlare della sancataldese...
Caro Pino, speriamo di battere almeno questo record di imbattibilità, dopo aver "cannato" il record di imbattibilità del portiere e il record delle sette vittorie di seguito.

ps. per me il Bari allenato da regalia è stato il peggiore della storia biancorossa, un vero scandalo.
PER UN GRANDE BARI: MATARRESE VATTENE
curva Cusmai o curva matarrese? solidarietà con chi viene picchiato se contesta l'a. s.

«un uomo deve sempre lottare per le proprie idee; se non lo fa è perché o non valgono niente le sue idee o non vale niente lui» (Ezra Pound)

Almiron: "Una grande? Spero di far diventare grande il Bari" (15.09.2010)

ADESPOTI SI VINCE

Pino

Storico Ufficiale
Storico Ufficiale
 
Messaggi: 43962
Iscritto il: sab gen 25, 2003 23:34
Località: Termoli - Clan Bari - IX-VIII-MMIII
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Pino » gio gen 10, 2019 9:31


dareios ha scritto:Caro Pino, speriamo di battere almeno questo record di imbattibilità, dopo aver "cannato" il record di imbattibilità del portiere e il record delle sette vittorie di seguito.


Sono fiducioso :wink: :wink: :wink:

polpopazzo

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6235
Iscritto il: sab giu 07, 2003 22:43
Località: Bari
Record: 39

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda polpopazzo » gio gen 10, 2019 13:51


dareios ha scritto:di quella stagione sfortunata vidi allo stadio Bari-siracusa 2-2 e in trasferta Cynthia genzano-Bari 0-9, era un Bari molto forte che avrebbe meritato la promozione ma che cmq offrì tante emozioni nella sfida punto a punto con il catania. Ricordo che lo scontro diretto con catania ebbe gli aggiornamenti in diretta in Tutto il calcio minuto per minuto, forse l'unica partita di c ad avere avuto questo onore. Tempi eroici che speravo non si sarebbero ripetuti e invece eccoci qui a parlare della sancataldese...
Caro Pino, speriamo di battere almeno questo record di imbattibilità, dopo aver "cannato" il record di imbattibilità del portiere e il record delle sette vittorie di seguito.

ps. per me il Bari allenato da regalia è stato il peggiore della storia biancorossa, un vero scandalo.



era un Bari molto forte ma non abbastanza e certamente non bello da vedere infatti come quello attuale si basava sulla giocata individuale,
ma vedo che anche con le statistiche batte forte la tua vena polemica... :D
solobari strumento per far uscire i nostri "flussi di coscienza" senza pagare le salate parcelle degli psicoterapeuti. Infatti lo frequentiamo da anni senza migliorare, tanto meno guarire. [cit. gandalf]

Mr. Libidine

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1414
Iscritto il: mar ago 31, 2010 17:02
Località: Lontano da Bari
Record: 0

Re: Storia - Quel Bari di Luciano Pirazzini (1974/1975)

Messaggioda Mr. Libidine » gio gen 10, 2019 16:38


Pirazzini non era amatissimo dai tifosi ...che lo apostrofano come " ..'u 'mbriach..." per alcuni cambi in corso, al tempo, incomprensibili. Mi ricordo, distintamente, che il buon Rosa ...ala destra di attacco, partiva sempre dalla panchina, ed era inequivocabilmente chiamato a gran voce dalla curva nord, a secondo tempo appena iniziato specie se bisognava sbloccare il risultato, con il classico coro che scandiva "Ro-sa, Ro-sa, Ro-sa" .... un boato si levava appena il calciatore si alzava dalla panchina, smetteva la tuta e correva a riscaldarsi. Rosa, con i suoi guizzi, ha sbloccato molte situazioni .... erano gli anni dei rigori perfetti di Scarrone, del "con Florio e Tivelli, i gol piu' belli" e di un Sciannimanico compassato nel passo, ma anche efficacissimo negli inserimenti sotto porto e nel tiro dalla distanza.

Che bei tempi!
"I socials danno diritto di parola a legioni di imbecilli" (Umberto Eco)


Torna a LA BARI


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti